VAL BONA, VAL FREDDA, CONCA DI CADINO

La Val Bona, la Val Fredda e la Valle di Cadino sono tra i più noti gioielli naturalistici del Parco, in particolare sotto l'aspetto geologico e floristico-vegetazionale. La varietà litologica di questa porzione meridionale dell'area protetta costituisce un interessante esempio per comprendere la formazione del gruppo dell'Adamello. Nel tratto di sentiero che da Bazena conduce alla Val Fredda prevalgono rocce sedimentarie carbonatiche (calcari). All'interno della Val Fredda e della Val Bona le formazioni geologiche attestano l'avvenuta intrusione di rocce magmatiche (provenienti dall'interno della Terra) nelle rocce sedimentarie di origine marina. Dal Lago della Vacca in poi infine prevalgono le sole rocce magmatiche (diorite e tonalite). Il paesaggio testimonia chiaramente, con la diffusione di circhi, conche, gradoni, dossi montonati e archi morenici, gli effetti del modellamento glaciale. Numerosi sono i laghetti, le torbiere e i pianori erbosi. La principale meta escursionistica dell'area è il lago della Vacca, incastonato nella conca ai piedi del Monte Blumone, in prossimità del quale si trova il Rifugio Tita Secchi (m. 2360).

Scarica la nostra applicazione

Legenda

Info_difficulty-1
Info_hotel

Rifugio Tita Secchi, Rifugio Tassara, Rifugio Passo Crocedomini

Info_to_see

Lago della Vacca, Corna Bianca, Valle di Cadino, Val Bona, Val Fredda, Monte Frerone.

Cartografia

X
In costruzione...<br>